Available courses

Webinar ARNO STERN, IL CLOSLIEU E L'ECOLOGIA DELL'INFANZIA - 2 moduli

Il Closlieu è uno spazio specifico predisposto per "Il Gioco del Dipingere" creato dall'educatore franco-tedesco Arno Stern.
Il Gioco del Dipingere è una pratica educativa che favorisce la libera espressione dell’essere: il bambino o l’adulto che fa questa straordinaria esperienza diviene consapevole del suo valore in quanto ciò che fa non viene discusso, approvato o criticato. Viene semplicemente accolto!
Questa pratica educativa rientra in una visione ecologica dell'infanzia volta a preservare l’entusiasmo e lo slancio necessario all’evoluzione delle predisposizioni naturali del bambino. Tutti noi veniamo al mondo con il miglior dispositivo di apprendimento che sia mai stato inventato: per imparare non c’è niente di meglio che giocare. Imparare non è un mestiere: imparare è l’effetto secondario del gioco, l’apprendimento è quel che resta del gioco.

Obiettivi

Il corso è volto a:
– Conoscere Arno Stern, la sua opera e "il Gioco del Dipingere" che si svolge nel Closlieu
– Conoscere l’evoluzione della traccia spontanea, dal bambino e fino all’età adulta.
– Conoscere i principi educativi che regolano la piccola società che si forma nel Closlieu
– Promuovere un atteggiamento e un linguaggio atti a favorire la libertà di espressione dell’essere
– Valorizzare il gioco e l’entusiasmo come strumenti indispensabili all’apprendimento.

Dal solo latte alla tavola della famiglia

Come accompagnare il bambino verso l'autonomia nel momento dei pasti. L’introduzione dell'alimentazione complementare (una volta chiamato "svezzamento") è un momento emozionante della vita di un bambino. In questo incontro ci occuperemo dei tempi e delle modalità di introduzione dei nuovi alimenti nella vita del bambino, per accompagnarlo da un’alimentazione di solo latte alla tavola della famiglia, per cercare una strada che concili le esigenze del bambino con le abitudini familiari.

Lo sviluppo autonomo dei movimenti nei primi anni di vita

Accompagnare il bambino con rispetto nel suo normale sviluppo motorio.
Cosa vuol dire rispettare il bambino nel suo sviluppo motorio? Come favorirne lo sviluppo?
Quali comportamenti evitare e quali comportamenti promuovere come adulti.

Il sonno dei bambini è un tema cruciale per molti genitori. In diversi casi può diventare una prova difficile da affrontare per tutta la famiglia, aggravata dalle insistenti domande di amici e parenti. I genitori si sentono chiedere "Dorme già tutta la notte?" e sanno che dalla risposta potrebbe dipendere un giudizio sulla qualità dell'educazione che stanno impartendo al figlio. E se il comportamento dei bambini non rispetta queste aspettative sociali, i genitori mettono in dubbio le proprie capacità. Sempre più spesso i genitori si sentono responsabili delle abitudini notturne del proprio bimbo e cercano quindi di modificarne e controllarne il ritmo, spronati anche dai molti consigli dispensati in buona fede dai media e dal personale sanitario. Questi suggerimenti sono numerosi, spesso contradditori e di rado efficaci e rendono molti genitori più insicuri. Come sottrarsi a questo circolo vizioso che indebolisce la fiducia dei genitori nelle proprie capacità?

Durante l’incontro si parlerà del sonno nei primi anni di vita e di alcuni modi possibili per permettere ai genitori di soddisfare sia i bisogni del bambino sia i propri, garantendosi così sufficiente sonno e riposo.

Aiuto, piange! Sulla via per diventare genitori sereni

ll pianto del bambino è un segnale che mette in estremo allarme i suoi genitori. Accompagnare un bambino che piange è faticoso e stressante. Cosa può aiutare e dare sollievo in queste situazioni? Cosa ci permette di comprendere e rispondere ai segnali del bambino?

Der Winter naht und somit auch die alljährlichen Grippeviren.
Ein gut funktionierendes Immunsystem ist der beste Schutz vor unzähligen Krankheiten; deshalb ist es wichtig unser Immunsystem zu unterstützen.
Mit Heilpflanzen können wir die Abwehrkraft stärken und unser Immunsystem funktionstüchtig erhalten. In diesem Vortrag erfahren sie:
• Welche Heilpflanzen das Immunsystem stärken
• Welche Heilpflanzen antiviral/antibiotisch wirken
• Rezepte aus der Kräuterapotheke um das Immunsystem zu unterstützen

Casa, uno spazio per tutti! Uno spazio a misura di bambino

Preparazione e mantenimento di una casa a misura di bambino.
Questo corso vuole aiutare le famiglie a creare spazi nelle proprie case che siano a misura di bambino, armoniosi, amorevoli e soppratutto educativi. Contesti dove il proprio figlio possa crescere sano: in libertà, fiducia, autonomia e rispetto. Come allestire la cameretta del bambino? E il resto della casa, quali accortezze?

Tra fasciatoi e bagnetti: un momento insieme per la cura e l'igiene del bambino

Accompagnare il bambino verso l'autonomia nella gestione degli sfinteri. Accompagnare il bambino nella sua igiene personale. Come vivere il momento del cambio in forma amorevole e rispettosa? Quando e come togliere il pannolino?

Cosa fare con tablet, smartphone e computer che sono sempre più presenti nelle nostre case? Durante l’incontro verranno fatte delle valutazioni educative e saranno presentate delle proposte pratiche per gestire consapevolmente gli strumenti tecnologici che mettiamo nelle mani dei bambini. L’incontro sarà un momento per condividere ed esporre dubbi, idee ed esperienze personali.

Webinar EDU-CARE IN NATURA - 3 moduli
Dal Bosco di una scuola al giardino di una scuola: trasferire le buone pratiche.

È possibile inserire l’approccio pedagogico e le pratiche educative della scuola nel bosco all’interno delle proposte scolastiche tradizionali?
Una formazione volta a rispondere a questa domanda ripensando la didattica alla luce dell'esperienza dell'outdoor education sperimentata nel contesto delle Scuole nel Bosco.

Webinar ARNO STERN, IL CLOSLIEU E L'ECOLOGIA DELL'INFANZIA - 2 moduli

Il Closlieu è uno spazio specifico predisposto per "Il Gioco del Dipingere" creato dall'educatore franco-tedesco Arno Stern.
Il Gioco del Dipingere è una pratica educativa che favorisce la libera espressione dell’essere: il bambino o l’adulto che fa questa straordinaria esperienza diviene consapevole del suo valore in quanto ciò che fa non viene discusso, approvato o criticato. Viene semplicemente accolto!
Questa pratica educativa rientra in una visione ecologica dell'infanzia volta a preservare l’entusiasmo e lo slancio necessario all’evoluzione delle predisposizioni naturali del bambino. Tutti noi veniamo al mondo con il miglior dispositivo di apprendimento che sia mai stato inventato: per imparare non c’è niente di meglio che giocare. Imparare non è un mestiere: imparare è l’effetto secondario del gioco, l’apprendimento è quel che resta del gioco.

Obiettivi

Il corso è volto a:
– Conoscere Arno Stern, la sua opera e "il Gioco del Dipingere" che si svolge nel Closlieu
– Conoscere l’evoluzione della traccia spontanea, dal bambino e fino all’età adulta.
– Conoscere i principi educativi che regolano la piccola società che si forma nel Closlieu
– Promuovere un atteggiamento e un linguaggio atti a favorire la libertà di espressione dell’essere
– Valorizzare il gioco e l’entusiasmo come strumenti indispensabili all’apprendimento.

EDU-CARE IN NATURA
Dal Bosco di una scuola al giardino di una scuola: trasferire le buone pratiche.

È possibile inserire l’approccio pedagogico e le pratiche educative della scuola nel bosco all’interno delle proposte scolastiche tradizionali?

Temi affrontati:
- Educare in natura: il contesto Bosco
- Educare in natura: la postura dell’educatore
- Educare in natura: il linguaggio dell’educatore
- Educare in natura: le interazioni tra bambine e bambini
- Si può trasferire un pezzo di bosco in un giardino di una scuola? Indagare i preconcetti taciti del ruolo dell’insegnante
- Pensare la didattica: apprendimento esperienziale, apprendimento per scoperta
- Allestire il contesto: posture, linguaggio, materiali

Corso online METODO FEUERSTEIN PAS STANDARD 1° LIVELLO - 6 moduli webinar

Il metodo Feuerstein è un programma di potenziamento cognitivo organico e strutturato basato sul concetto di modificabilità cognitiva e di centralità della mediazione nel processo di apprendimento.
L’arricchimento strumentale è composto di due parti: un insieme di materiali, gli “strumenti”, e un elaborato sistema d’insegnamento basato sull’esperienza di apprendimento mediato. L’obiettivo principale dell’arricchimento strumentale consiste nel promuovere la propensione ad apprendere e ad essere modificati dagli eventi dell’apprendimento. Non ha come obiettivo l’ampliamento del repertorio di conoscenze dell’individuo, si cerca invece di rendere il soggetto capace di apprendere nuove informazioni e saperle utilizzare, di renderlo più efficiente nell’acquisizione di nuove strategie e più capace di trovare vie ottimali di risoluzione dei problemi. Utile a tutti, è particolarmente indicato per soggetti svantaggiati per disabilità o condizione sociale.
Il corso, professionalizzante, si svolge secondo i protocolli concordati con il Feuerstein Institute ed è rivolto a docenti, terapisti ed educatori allo scopo di accrescere le competenze e sviluppare gli aspetti relazionali della professione. Possono partecipare anche persone che non lavorano in ambito educativo o clinico ma sono coinvolti, ad esempio per motivi familiari, in una relazione di aiuto. Oltre agli aspetti teorici, verranno studiati nel dettaglio i primi cinque dei quattordici strumenti applicativi.
Obiettivi

La formazione propone attività teorico – pratiche che forniscano ai partecipanti le conoscenze e le competenze per sostenere lo sviluppo cognitivo ed emotivo di bambini e ragazzi dagli otto anni di età, adulti e anziani. In particolare è volto a: - Sviluppare e potenziare le funzioni cognitive, trasversali all’apprendimento di ogni disciplina
- Fornire strumenti verbali e concettuali
- Attivare concetti spaziali, temporali ed attività rappresentazionali
- Promuovere il pensiero riflessivo
- Promuovere la motivazione intrinseca
- Sviluppare nel discente il senso di competenza

Webinar PREGRAFIA. Motricità fine e accompagnamento alla scrittura - 3 moduli

Scrivere è un’attività complessa, alla quale in bambino arriva attraverso tappe, dopo aver sviluppato in modo adeguato alcune funzioni cognitive e manuali, di motricità fine. Saper scrivere include la capacità di coordinazione oculo-manuale, la capacità di impugnare lo strumento scrittorio correttamente, di saper organizzare lo spazio del foglio, lo sviluppo della capacità immaginativa e il senso del ritmo. Il percorso formativo che proponiamo, suddiviso in 3 moduli, accompagna i docenti nella conoscenza dello sviluppo delle abilità pregrafiche spontanee del bambino, presentando esempi e attività per la stimolazione delle competenze attraverso il gioco. Il corso è rivolto ad insegnanti della scuola dell’infanzia, docenti di I° elementare ed educatori.

Obiettivi
• Comprendere lo sviluppo della motricità fine nei bambini 3-7 anni
• Lavorare sull'evoluzione del disegno
• Attività di motricità fine
• Aiutare il bambino a concettualizzare lo spazio nel foglio
• Lavorare sulla rappresentazione e la forma delle lettere
• Modalità per presentare l'alfabeto

Corso online METODO FEUERSTEIN PAS BASIC 1° LIVELLO - 6 moduli webinar

Il metodo Feuerstein è un programma di potenziamento cognitivo organico e strutturato basato sul concetto di modificabilità cognitiva e di centralità della mediazione nel processo di apprendimento.
L’arricchimento strumentale è composto di due parti: un insieme di materiali, gli “strumenti”, e un elaborato sistema d’insegnamento basato sull’esperienza di apprendimento mediato. L’obiettivo principale dell’arricchimento strumentale consiste nel promuovere la propensione ad apprendere e ad essere modificati dagli eventi dell’apprendimento. Non ha come obiettivo l’ampliamento del repertorio di conoscenze dell’individuo, si cerca invece di rendere il soggetto capace di apprendere nuove informazioni e saperle utilizzare, di renderlo più efficiente nell’acquisizione di nuove strategie e più capace di trovare vie ottimali di risoluzione dei problemi. Utile a tutti, è particolarmente indicato per soggetti svantaggiati per disabilità o condizione sociale.
Il PAS basic è stato messo a punto successivamente al PAS standard per venire incontro anche ai bambini più piccoli (4 – 7 anni).
I materiali del PAS Basic sono organizzati in 12 eserciziari detti Strumenti, che comprendono esercizi carta-matita focalizzati su specifiche aree cognitive. Particolarmente interessanti sono gli strumenti dedicati all’esplorazione cognitiva delle emozioni, finalizzati alla costruzione dell’empatia e alla prevenzione di comportamenti aggressivi e del bullismo. Questi ultimi sono adatti non solo a bambini piccoli, ma anche a ragazzi più grandi e adulti.
Il corso, professionalizzante, è rivolto a docenti, terapisti ed educatori allo scopo di accrescere le competenze e sviluppare gli aspetti relazionali della professione. Possono partecipare anche persone che non lavorano in ambito educativo o clinico ma sono coinvolti, ad esempio per motivi familiari, in una relazione di aiuto. Oltre agli aspetti teorici, verranno studiati nel dettaglio sei dei dodici strumenti applicativi.

Il PAS basic può essere applicato a:
- Bambini in età prescolare
- Bambini che frequentano i primi anni della scuola primaria
- Bambini o adolescenti le cui funzioni cognitive di base siano inadeguate, immature o fortemente compromesse
- Adulti o anziani che per ragioni specifiche (traumi, patologie, disturbi della senilità)
abbiano esigenze di riabilitazione
Obiettivi

La formazione propone attività teorico – pratiche che forniscano ai partecipanti le conoscenze e le competenze per sostenere lo sviluppo cognitivo ed emotivo di bambini, ragazzi e adulti le cui funzioni cognitive siano particolarmente compromesse, anziani con esigenze specifiche. In particolare è volto a:
- Sviluppare e potenziare le funzioni cognitive, trasversali all’apprendimento di ogni disciplina
- Fornire strumenti verbali e concettuali
- Attivare concetti spaziali, temporali ed attività rappresentazionali
- Promuovere il pensiero riflessivo
- Promuovere la motivazione intrinseca
- Sviluppare nel discente il senso di competenza.

Webinar LO STUDIO CON I DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO...IN PRATICA - 4 moduli

Il corso nasce dalla consapevolezza circa l’importanza di integrare le informazioni teoriche relative ai disturbi specifici dell’apprendimento ad un metodo di studio efficace corredato dall’utilizzo di strumenti informatici che possano supportare il ragazzo nella pratica quotidiana e verso un percorso volto all’autonomia.
La formazione si compone di 4 webinar di 2 ore. Gli incontri avranno un taglio prevalentemente pratico. Sono previste esercitazioni e questionari relativi ad ogni unità.
1. Introduzione ai DSA
2. I software compensativi, come scegliere e come utilizzarli
3. Un metodo di studio strutturato
4. Il lavoro metacognitivo e i risvolti psicologici dei DSA
Obiettivi

Il corso permette di ampliare le competenze relative a:
• Metodo di studio, per l’impostazione di una didattica inclusiva
• Strumenti compensativi, per scegliere quelli più adatti alle esigenze del bambino e della famiglia
• Lavoro metacognitivo, per permettere al ragazzo di essere consapevole dei propri processi di apprendimento e poter costruire le sue conoscenze
• Aspetti psicologici conseguenti al DSA, per spiegare al ragazzo il significato della diagnosi ricevuta e comprendere le proprie caratteristiche

confrontarsi con i propri alunni con coscienza, capacità e riflettuto approccio didattico. La formazione intende affrontare gli aspetti legati ai DSA inerenti l’ambito legislativo e scientifico, quello didattico ed educativo e gli strumenti tecnologici che possono supportare l’attività di genitori e insegnanti. Riteniamo di fondamentale importanza l’avere una consapevolezza di base di quello che si intende quando si parla di DSA e quali siano gli strumenti disponibili e gli interventi attuabili, così da affrontare il difficile compito di normalizzare il piano educativo nel rispetto e nella condivisione dei percorsi con colleghi, specialisti e naturalmente con gli alunni.
Il corso intende affrontare, in termini pratici, una proposta didattica sulle strategie di studio e sul metodo di studio valido per gli alunni con DSA, utile per tutta la classe.


Il corso nasce dalla consapevolezza circa l’importanza di integrare le informazioni teoriche relative ai disturbi specifici dell’apprendimento ad un metodo di studio efficace corredato dall’utilizzo di strumenti informatici che possano supportare il ragazzo nella pratica quotidiana e verso un percorso volto all’autonomia.

La formazione si compone di 4 webinar di 2 ore. 
Gli incontri avranno un taglio prevalentemente pratico. Sono previste esercitazioni e questionari relativi ad ogni unità.
1. Introduzione ai DSA
2. I software compensativi, come scegliere e come utilizzarli
3. Un metodo di studio strutturato
4. Il lavoro metacognitivo e i risvolti psicologici dei DSA


Il Metodo Liberamente imparo è un percorso di scelte metodologico-didattiche, rivolto ai docenti della Scuola Primaria, che facilita l'acquisizione delle abilità accademiche del leggere, dello scrivere e del calcolo. Per favorire questo importante cambiamento di rotta è necessario conoscere sia i prerequisiti, che devono essere lavorati, sia le abilità, che devono essere sviluppate e stabilizzate; su tale conoscenza si svilupperà la programmazione didattica, che terrà conto della nuova prospettiva d’azione e di tutte le nuove componenti di apprendimento che si aggiungeranno al percorso d’insegnamento tradizionalmente inteso.

Obiettivi:
- Formazione dei docenti sulle prospettive della didattica innovativa per l’inclusione che si basa sui nuovi percorsi di ricerca che coniugano le Scienze della cognizione alle Scienze dell’Educazione.
- Approfondimento e conoscenza del Metodo di letto-scrittura e calcolo “Liberamente imparo” creato su tali presupposti scientifici e sperimentato in ricerca azione.
- Implementazione guidata del Metodo nelle classi.
- Formazione formatori.

Educazione e affetti dentro e fuori casa: l'imprinting formativo e l'educazione diffusa, modelli operativi per i genitori

L'obiettivo principale del corso è quello di creare un team di operatori sociali preparati e sensibili alle dinamiche dei Disturbi del Neurosviluppo, con approfondimento dell'ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder - Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività) e del DOP (Oppositional provocative disorder - Disturbo oppositivo provocatorio). Al di là dell'etichetta diagnostica ancora discussa, nasce l'esigenza di favorire l'inclusione dei bambini a tutto tondo che, prima di tutto sono dei bambini. Spesso abbiamo di fronte a noi dei bambini che manifestano dei comportamenti problematici, ma non sono dei bambini problematici. La risposta alla nostra esigenza di inclusione passa attraverso il ragionamento che deriva dalla nostra identità personale e professionale, dalla nostra formazione e dalle nostre capacità relazionali. Quando impariamo a padroneggiare le nostre conoscenze metacognitive, possiamo attivare un intervento personalizzato costruito ad hoc per quel bambino che gli permetta di "starci dentro". 

Corso di formazione interna per i soci di Canalescuola sul tema del ruolo dell'insegnante

Formazione interna per i soci di Canalescuola con Marzia Saglietti